Il pane con la pasta madre

0
193

Contributo di Patrizia

La pasta madre è una pallina di pasta che contiene tanti batteri che permettono la lievitazione naturale; va riattivata ogni volta prima di usarla.

La pallina da conservare in frigo sarà del peso di circa 50 gr. Prima di riattivarla lasciarla a temperatura ambiente per un’ora. Unirla a 50 gr di farina e 25 gr di acqua. Impastare un po’ e lasciarla crescere nel suo barattolo finché non raddoppia di volume. [Se dopo 7-8 giorni non avrete fatto il pane riattivate comunque la pallina, questo le darà ancora una settimana di vita.]

Preparare la biga (cioè l’impasto da aggiungere alla farina per fare il pane). Prendere la pallina – aggiungere 100 g di farina e circa 100 ml di acqua, impastare e lasciar riposare tra le 8 e le 12 ore (più la lasciamo riposare e più soffice sarà il pane).

Per fare il pane: Sciogliere la biga in 150 gr di acqua e 10 gr di zucchero. Mettere sul tavolo 400 g di farina di varie tipologie (di cui almeno metà dovrà essere frumento) + 100 gr di grano duro e 10 gr sale. Mescolare, fare un buco centrale nel quale si metterà la biga. Mescolare e aggiungere piano piano acqua, lavorare a lungo aggiungendo acqua fino ad avere un impasto elastico. Mettere il pane in un’insalatiera oleata, coprire con un panno e lasciar lievitare a temperatura ambiente 4 – 5 ore, anche di più se fa freddo.

Prima di preparare il pane per la cottura ricordarsi di TOGLIERE UNA PALLINA di circa 50 gr per la volta dopo e riposizionarla nel suo barattolo coperto con pellicola in frigorifero. Modellate il pane per dargli la forma che volete, mettetelo su una teglia infarinata e fate riposare per un’altra ora.

Preriscaldate al massimo il forno. Inserite la teglia mettendo anche una vaschetta d’acqua, abbassate a 190° e cuocete per 35’.

Una volta cotto fate intiepidire il pane FUORI dal forno.

Vantaggi: la lievitazione naturale e lenta rende il pane più digeribile e sano.
Si può scegliere la farina biologica che più si preferisce (farro, orzo, segale, integrale, grano duro, ecc. ). Si può aromatizzare il pane con spezie, olive, pomodori o arricchire con semi di zucca, di girasole, di papavero, finocchio, ecc.

ECCO I PANI DEI GASISTI!
mandateci la vostre foto!

Pane di Patrizia
Pane di Annalucia
Pane di Micaela
Pane di Giorgia Vi allego le foto del pane e dei Cornetti fatti con la procedura indicata sul sito del gas. L’unica differenza è la tipologia di farine: per il pane farina integrale e farine miste scure, per i cornetti farina 0
Cornetti dolci di Giorgia Qui la ricetta: https://www.agrodolce.it/ricette/cornetti-vegani/